19/04/2018

Camminare da adulti e con gli adulti nel web: pericoli, fragilità, disturbi, cure

Maglie 20/04/2018. Iniziativa promossa da Arcidiocesi di Otranto

Il web e i possibili pericoli che nasconde è il tema del Convegno Diocesano di Pastorale della Salute che si svolgerà venerdì 20 aprile 2018 presso la Sala SS. Medici in Maglie alle ore 19.00.  “Un tema attuale – sottolinea il Delegato Diocesano per la Pastorale della Salute Don Francesco Coluccia - che ci coinvolge sia come educatori, sia come operatori e del mondo della salute e della pastorale in genere. Il Convegno è presieduto dall'Arcivescovo Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Donato Negro. Introduce Don Francesco Coluccia delegato diocesano per la Pastorale della Salute. Modera il Dott. Antonio Palumbo Presidente dell'AMCI sez. di Otranto e a guidare i partecipanti nella riflessione è il Prof. Tonino Cantelmi.

leggi tutto

10/04/2018

Psichiatria e bioetica: esiste un ruolo per lo psichiatra nelle scelte bioetiche contemporanee?

Roma 13/04/2018 – Iniziativa promossa da Suore ospedaliere Villa Rosa

Università LUMSA, Sala Giubileo - ROMA, Via di Porta Castello, 44. Ore 9.00

Il dibattito Italiano è caratterizzato sempre più da tematiche inerenti la sfera delle decisioni etiche. Alcune riguardanti aspetti fondamentali dell’esistenza umana Si tratta di un dibattito che coinvolge direttamente la figura del medico, ma l’analisi di alcune questioni comporta di necessità la valutazione della “salute mentale” come condizione ineludibile alla base di ogni fondamentale scelta etica. Obiettivo del convegno è quindi quello di stimolare una riflessione culturale, prima ancora che clinica, sulle criticità bioetiche a cui la competenza dello psichiatra può apportare il suo contributo. T - Guarda l'intervento del Prof. Cantelmi- Immortalità digitale

 

leggi tutto

06/04/2018

Onorare il limite per vivere la felicità

Fonte: RomaSette del 01/04/2018

Pianeta Giovani- Rubrica a cura di Tonino Cantelmi

"Onora il tuo limite" è una sfida che vorrei fosse proposta ai nostri giovani da adulti coraggiosi.In fondo, come si deduce dalla lezione della Amoris laetitia, ogni sfida è anche una opportunità. Il primo equivoco da sbriciolare è il pensare che la felicità sia oltre il limite. Insomma, se vogliamo indicare strade di felicità ai nostri figli, dobbiamo mettere nello zainetto con il quale li incamminiamo nella strada della vita, non solo tanto affetto e sostegno, ma anche il senso del limite, le regole per l’appunto e il gusto al superamento di se stessi in una dimensione non narcisistica, ma autotrascendente. Discorsi difficili? Forse, ma possibili con un po’ di coraggio in più.

 

leggi tutto

05/04/2018

Nella «salute mentale» cʼè tutto lʼuomo

Fonte: è vita del 05/04/2018, inserto di Avvenire

Articolo di Paolo Viana

Settecentomila italiani sono in cura per problemi psichiatrici. E ottocentomila sono i malati di gioco di azzardo patologico. Ed è proprio in questa trincea del dolore che la Chiesa si inoltra con il Tavolo nazionale della salute mentale, creato da padre Carmine Arice e rilanciato dal neo-direttore dell’Ufficio per la pastorale della Salute della Cei, don Massimo Angelelli. Si tratta di un think tank al quale afferiscono le competenze di 14 professori psichiatri e psicologi di riferimento nei diversi ambiti della psichiatria nazionale. L’obiettivo è propiziare la cosiddetta risposta integrata: aiutare l’evoluzione dell’assistenza psichiatrica. Il processo è verso l'umanizzazione ma, ciò che ancora disumanizza è lo stigma, come spiega Tonino Cantelmi, Tavolo nazionale della salute mentale, secondo il quale «bisogna spezzare il cerchio, e lo può fare la comunità cristiana. Anzi, le Chiese italiane fanno tantissimo, creano rete, ma occorre fare un passo avanti: che le comunità abbiano come progetto e obiettivo l’abbattimento dello stigma».

leggi tutto

26/03/2018

Riattivare la passione contro ogni apatia

Fonte: RomaSette del 18/03/2018 -Rubrica Pianeta giovani a cura di Tonino Cantelmi

Prendo a prestito l’incipit della rubrica “concorrente” (tratta di adolescenti!) di Alessandro D’Avenia sul Corriere della sera del 5 marzo. «Ultimo anno, cinque insufficienze nel primo trimestre. Dovrebbero preoccuparmi, ad agitarmi è invece la mancanza di passioni di mio figlio. Sembra appagato solo quando è vestito in un certo modo ed esce con gli amici. Non vuole esser bocciato, ma quando gli ho chiesto cosa vuol fare nella vita mi ha detto che non c’è niente che voglia fare, niente che lo appassioni»… Il punto, a mio parere tragico, è che noi adulti continuiamo a costruire un mondo brutto, pieno di spinte narcisistiche, autoreferenziali, distruttive e violente. E perché mai i giovani dovrebbero appassionarsi ad un mondo così brutto? Se guardiamo all’irresponsabilità della politica, con le sue promesse mirabolanti e truffaldine, o all’incapacità di tanti genitori di “vedere” i reali bisogni dei propri figli oscurati dai propri bisogni, oppure alle proposte di modelli che emergono da serie televisive altrettanto irresponsabili come “Gomorra” o “Riccanza”, autentici inni alla violenza o al danaro senza limiti, insomma se guardiamo a ciò che offriamo noi adulti, forse possiamo capire l’apatia dei nostri figli.

leggi tutto

23/03/2018

Le povertà come sfide

Roma, 26 marzo 2018 - Iniziativa promossa da Noi tra la gente

L'associazione "Noi tra la gente" ha promosso un Laboratorio permanente sulle povertà, tra i proponenti dell'iniziativa anche il Prof. Tonino Cantelmi. Acuni esperti si confrontano su povertà e salute, povertà educativa, povertà vitale, impoverimento e derive socio economiche, bene comune, con la finalità di rispondere in modo progettuale alle sfide della della postmodernità.

leggi tutto

14/03/2018

La crisi strisciante delle relazioni

Fonte: Formiche - rivista mensile gen. 2018

La rivista mensile “formiche” nel mese di gennaio nella sua sezione “idee” ha approfondito il rapporto tra mente e tecnologia, intitolando lo spazio: “l’uomo è stato tratto in rete”. Tra i contributi anche quello del prof. Cantelmi. “L'esplodere della rivoluzione digitale è come se avesse intercettato una crisi della relazione in parte già esistente. e al tempo stesso ne avesse accelerato drammaticamente lo sviluppo. Alla base della crisi della relazione interpersonale ci sono almeno tre fenomeni: l'incremento del tema narcisistico nelle società postmoderne; il fenomeno del sensation seeking, caratterizzato da una sorta di ricerca di emozioni, anche estreme; il tema dell'ambiguità, cioè la rinuncia all'identità e al ruolo in favore di una assoluta fluidità dell'identità stessa e dei ruoli” Dal contributo Cantelmi intitolato “La crisi strisciante delle relazioni”.

leggi tutto

08/03/2018

Campioni di social ma sempre più soli

Fonte: RomaSette del 4/03/2018 -Rubrica Pianeta giovani a cura di Tonino Cantelmi

Marco ha 15 anni ed è una webstar. Calabrese, obeso, vittima di bullismo feroce, occhi buoni ed intelligenti, Marco, mentre in macchina va al lavoro col padre, fa un video. Ad un certo punto si rivolge al padre Antonio e in modo dialettale lo esorta a fare un saluto: “Saluta, Andonio!”. Il padre si gira, muto, e non risponde, lo sguardo rimane appeso e inespressivo. Il video viene postato da Marco e diventa virale. Milioni di visualizzazioni e tanto successo. Nel giro di pochi giorni il ragazzino timido, chiuso, obeso, bullizzato e maltrattato, con un padre mutacico anche in casa e in definitiva infelice, si trasforma in una web star di successo. A 15 anni. In una intervista intensa, ammette però di essere consapevole del fatto che tutti cercano “Saluta, Andonio!”, ma non Marco, che le ragazze cercano il personaggio, non lui, che insomma è solo come prima. Si chiama “loneliness” il senso di solitudine percepita...

leggi tutto