23/05/2020

Al dott. Giancarlo Ricci

20 Maggio 2020

L'Associazione AIPPC esprime cordoglio per la scomparsa del dott. Giancarlo Ricci, stimato psicoterapeuta, giudice onorario presso il Tribunale dei minori e membro analista dell'Associazione Lacaniana italiana di Psicoanalisi.

leggi tutto

13/05/2020

Corso di formazione "Terapia focalizzata sulla compassione"

3 video moduli

Corso di formazione sulla terapia focalizzata sulla compassione. Presidente Istituto prof. Tonino Cantelmi. Docenti Corso: Dott. Emiliano Lambiase  - Dott.ssa Santina Calì ITCI - Dott. Marco Scicchitano ITCI

leggi tutto

12/05/2020

Iperconnessi tutto il giorno: dramma di un giovane su 3

Fonte: Il Fatto Quotidiano dell'11/05/2020

Il lavoro da casa e la didattica a distanza incollano gli italiani ai monitor. Una ricerca fotografa la quarantena dei ragazzi: attacchi di panico, solitudine, sonno a sbalzi e la voglia di stare con i genitori. Ne parlano in un'intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano gli esperti di dipendenza da internet, tra cui il presidente AIPPC Tonino Cantelmi.

leggi tutto

07/05/2020

Quarantena, figli e salute psicologica. Un dialogo con il prof. Cantelmi

Fonte: Articolo26 del 06/05/2020

L'associazione Articolo26 ha posto alcuni interrogativi al presidente AIPPC Tonino Cantelmi per riflettere su ciò che l'espansione della pandemia ha prodotto sul piano psicosociale, con particolare riguardo ai più giovani che oggi si trovano ancor più immersi nella tecnologia. Cantelmi definisce il COVID-19 come un killer postmoderno che ha generato un incremento del livello di tecno-mediazione della relazione, dell’autismo tecnologico e dell’individualismo. L'obiettivo non è rinunciare alla bellezza della tecnologia e alla sua infinita utilità, ma sviluppare modalità di convivenza ed integrazione della tecno-mediazione che non umiliano l’umano.

leggi tutto

01/05/2020

E’ lo sguardo che abbatte il “distanziamento sociale”

Fonte: Aleteia del 30/04/2020

Nel corso dell'intervista il presidente dell’Aippc, prof. Tonino Cantelmi, ha sottolineato l'efficienza del coping spirituale come strategia di coping più funzionale di fronte alle avversità, alle malattie e alle situazioni catastrofiche. Durante l'evento pandemico, infatti, i prodotti digitali a contenuto spirituale hanno spopolato: dalla messa del Papa (seguita da milioni di persone), ai file audio e video che hanno inondato chat, siti e app.

leggi tutto

24/04/2020

M'innamoro di te. Ma perchè? Logica, illogica (?) e discernimento sull'innamoramento

24/04/2020 - Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale

Venerdì 24 aprile dalle ore 21:00 alle ore 22:30, la dottoressa Michela Pensavalli interverrà nell'incontro virtuale organizzato dal Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale, sulla piattaforma Zoom, per parlare di amore, legami, innamoramento e scelte in amore.

leggi tutto

23/04/2020

La salute mentale degli operatori sanitari durante e dopo la pandemia di covid19

Fonte: DoRS del 23/04/2020

Alla luce dei risultai emersi dai precedenti studi condotti in situazioni di emergenza edidemica, l'articolo proposto mette in evidenza come la categoria degli operatori sanitari impegnati nella lotta al Coronavirus sia particolarmente a rischio di psicopatologia. Nel descrivere la situazione italiana, l'articolo riprende le parole del prof. Cantelmi: “…il disagio si concretizza in disturbi dell'umore e reazioni ansiose connesse a frammenti di vissuti traumatici che si riattivano durante i periodi successivi”. L'obiettivo di questo lavoro è stato soprattutto sottolineare l'importanza degli interventi di assistenza psicologica necessari per proteggere e promuovere il benessere psicofisico degli operatori sanitari, durante e dopo la pandemia.

leggi tutto

16/04/2020

Emergenza Covid19 - Sportello radiofonico ADOC

Fonte: Vatican News del 16/04/2020

In un'intervista per Radio Vaticana il presidente dell'AIPPC Tonino Cantelmi spiega come l'epidemia legata al Covid19 sia un rischio reale per la salute mentale di tutta la popolazione, in modo particolare per gli operatori sociosanitari, i sopravvissuti alla terapia intensiva, i partenti delle persone decedute e i pazienti in isolamento forzato con quarantena obbligatoria. Per limitare il rischio di psicopatologia, è necessario secondo lo psichiatra avviare da subito una rete di supporto psicosociale, avvalendosi anche della tecnologia.

 

leggi tutto