12/05/2020

Iperconnessi tutto il giorno: dramma di un giovane su 3

Fonte: Il Fatto Quotidiano dell'11/05/2020

Il lavoro da casa e la didattica a distanza incollano gli italiani ai monitor. Una ricerca fotografa la quarantena dei ragazzi: attacchi di panico, solitudine, sonno a sbalzi e la voglia di stare con i genitori. Ne parlano in un'intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano gli esperti di dipendenza da internet, tra cui il presidente AIPPC Tonino Cantelmi.

leggi tutto

07/05/2020

Quarantena, figli e salute psicologica. Un dialogo con il prof. Cantelmi

Fonte: Articolo26 del 06/05/2020

L'associazione Articolo26 ha posto alcuni interrogativi al presidente AIPPC Tonino Cantelmi per riflettere su ciò che l'espansione della pandemia ha prodotto sul piano psicosociale, con particolare riguardo ai più giovani che oggi si trovano ancor più immersi nella tecnologia. Cantelmi definisce il COVID-19 come un killer postmoderno che ha generato un incremento del livello di tecno-mediazione della relazione, dell’autismo tecnologico e dell’individualismo. L'obiettivo non è rinunciare alla bellezza della tecnologia e alla sua infinita utilità, ma sviluppare modalità di convivenza ed integrazione della tecno-mediazione che non umiliano l’umano.

leggi tutto

01/05/2020

E’ lo sguardo che abbatte il “distanziamento sociale”

Fonte: Aleteia del 30/04/2020

Nel corso dell'intervista il presidente dell’Aippc, prof. Tonino Cantelmi, ha sottolineato l'efficienza del coping spirituale come strategia di coping più funzionale di fronte alle avversità, alle malattie e alle situazioni catastrofiche. Durante l'evento pandemico, infatti, i prodotti digitali a contenuto spirituale hanno spopolato: dalla messa del Papa (seguita da milioni di persone), ai file audio e video che hanno inondato chat, siti e app.

leggi tutto

23/04/2020

La salute mentale degli operatori sanitari durante e dopo la pandemia di covid19

Fonte: DoRS del 23/04/2020

Alla luce dei risultai emersi dai precedenti studi condotti in situazioni di emergenza edidemica, l'articolo proposto mette in evidenza come la categoria degli operatori sanitari impegnati nella lotta al Coronavirus sia particolarmente a rischio di psicopatologia. Nel descrivere la situazione italiana, l'articolo riprende le parole del prof. Cantelmi: “…il disagio si concretizza in disturbi dell'umore e reazioni ansiose connesse a frammenti di vissuti traumatici che si riattivano durante i periodi successivi”. L'obiettivo di questo lavoro è stato soprattutto sottolineare l'importanza degli interventi di assistenza psicologica necessari per proteggere e promuovere il benessere psicofisico degli operatori sanitari, durante e dopo la pandemia.

leggi tutto

16/04/2020

Emergenza Covid19 - Sportello radiofonico ADOC

Fonte: Vatican News del 16/04/2020

In un'intervista per Radio Vaticana il presidente dell'AIPPC Tonino Cantelmi spiega come l'epidemia legata al Covid19 sia un rischio reale per la salute mentale di tutta la popolazione, in modo particolare per gli operatori sociosanitari, i sopravvissuti alla terapia intensiva, i partenti delle persone decedute e i pazienti in isolamento forzato con quarantena obbligatoria. Per limitare il rischio di psicopatologia, è necessario secondo lo psichiatra avviare da subito una rete di supporto psicosociale, avvalendosi anche della tecnologia.

 

leggi tutto

08/04/2020

Coronavirus, allarme depressione per medici e infermieri

Fonte: la Repubblica del 07/04/2020

Medici ed inferimieri rappresentano, a detta dello psichiatra Cantelmi, una delle categorie più a rischio di sviluppare sintomi psicopatologici, come depressione  e ansia. L'ITCI del prof. Tonino Cantelmi è stato chiamato dalla Conferenza Episcopale Italiana, in collaborazione con l'AIPPC, per sostenere i cappellani ospedalieri, quei preti che prestano servizio in ospedale, che frequentano le sale di rianimazione e che sono soggetti anche loro a un vissuto traumatico. Il supporto psicosoaciale deve essere esteso anche agli operatori sociosanitari.

leggi tutto

06/04/2020

Coronavirus: Operatori sociosanitari eroi o untori? depressione (50%), ansia (45%) e insonnia (34%). Serve supporto psicosociale

Fonte: Salute Domani del 04/04/2020

Gli operatori sociosanitari impegnati in prima linea per fronteggiare l'emergenza sanitaria rappresentano, secondo lo psichiatra Cantelmi, una delle categorie che necessita di supporto psicosociale immediato. Se da un lato vengono esaltati, ammirati, quasi vissuti come degli eroi, dall'altro rischiano di essere gli untori e come tali possono essere vissuti dai familiari o dalle persone conviventi. Non solo stanno svolgendo un lavoro enorme, ma devono gestire un trauma incredibile.

 

leggi tutto

04/04/2020

Coronavirus, lo psichiatra: “Serve una data per la fine dell’isolamento, non averla crea ansia”

Fonte: Agenzia DIRE del 03/04/2020

Non solo la paura del contagio o il trauma di un caro che subisce il dramma della terapia intensiva, o ancor peggio la morte, ma anche il distanziamento sociale è un evento stressante e, come tale, è un fattore di rischio per la salute psicofisica delle persone. “Il cambio di stile di vita all’inizio può essere accettato più facilmente, ma nel tempo diventa molto stressante. Un vero fattore di rischio su cui le autorità dovrebbero riflettere è l’incertezza”. A dirlo è il presidente AIPPC Tonino Cantelmi.

leggi tutto